Tags

L’inspiegabile è in poco, teso viso
Tormento al lato di un sorriso
Poco umani deserti senza vita
A espiare tutto nessuna fine
Suda luce un corpo freddo e triste
Fradicio soffrire sotto letto sfatto.
Temersi nudi, vedersi soli.
Fino a dar nausea come
Bambola tragica o come vecchia sola
Le attese e la calma, la pazienza e il salto
La sciagura non termina a sera
Mai sul fondo un tonfo
Testa protesa a origliare il buio.
Il muto si fa più forte
Tace, tace o grida.
Scrivibile l’interno muro
con troppe piaghe di compassione.
Tutte le cose di lei paurose
Tutte le pene
Ulcera lamentosa incide e stinge.
Mi obbliga a seguirla
Mi tiene con mani senza fine
Torchio mentale che strazia
Un ribollire di male d’uomo.

Advertisements